La dipendenza da nicotina ai tempi del coronavirus

La dipendenza da nicotina ai tempi del coronavirus

17 aprile 2020 |

I rischi dei fumatori e il supporto degli specialisti

La pandemia da Covid-19 e le relative misure messe in atto mettono l’accento sulle difficoltà che le persone
dipendenti da nicotina possono incontrare. L’OMS rende attenti che i consumatori di tabacco /sono maggiormente vulnerabili al Covid-19, sia per patologie dovute al tabagismo, sia per l’atto stesso di fumare che aumenta la possibilità di trasmettere il virus dalla mano alla bocca.

Agli esperti della Lega Polmonare Ticinese e dei Servizi di Tabaccologia del EOC preme quindi informare e sostenere le persone che stanno intraprendendo (o vorrebbero intraprendere) un percorso di disassuefazione al tabagismo durante questo momento particolare. Lo stress quotidiano e le frustrazioni aumentano facilmente in questo periodo, e i prodotti di tabacco possono diventare un modo per gestire la noia e le proprie emozioni negative. Inoltre, quando si smette bruscamente ed in modo forzato di consumare tabacco, spesso non si ottiene il risultato sperato a lungo termine.

Per questo motivo, i consultori della Lega Polmonare Ticinese offrono la possibilità di consultazioni telefoniche gratuite con personale specializzato dal lunedì al venerdì, dalle 8.00 a 12.00 e dalle 13.00 alle 17.00 allo 091/973.22.80 . Se necessario, le persone possono essere indirizzate a uno dei medici degli ambulatori di tabaccologia dell’EOC per una consulenza telefonica. Sul sito della Lega Polmonare Ticinese si trovano inoltre link utili e una “cassetta degli attrezzi” per affrontare al meglio questa situazione.

Non esitate a contattarci, il team degli esperti.

 

Per informazioni
Jocelyne Gianini
Tel. 079 206 22 34
info@lpti.ch
www.legapolmonare.ch